Skip to content
20 luglio 2009 / lucioulian

sogno…

 
 
 
  
 
       Propongo una poesia di "Joška" (Michele Fontana) 
 
      scritta nel dialetto dei Sinti, a fianco la
 
       traduzione in italiano:
 
 
 

Ho keráva?

 

Cosa farò?

 

 

 

Moleráva kaj rat?
na, na sunáva man!
Ho keráva?
Hi táusenti gedánki
platserdé an mur šéro.
Kíče vúnči
langréla u šéro?
Ferláika hi mol?
O mol kai keréla pré
u vúdar an džibén.
Haj vúnča von fráiben!
Kamáv te našél; te fligél,
le ap man fon káva
parapén kai traukarél man.
Hom jek Sínto!
Jek molári, jek džipáskro.
Ho keráva?
Lezaráva, šrajveráva:
hi fédar te rováv.
Nur u robén
laixteréla man?
Kaj rat?
Nína kája húnte
džála forbái.
U térno džibén
hi kúmi an mánde.
Kána déla čas
mur bókalo dži?
Kíno, kaméla
či ti čáva kaj:
dikáva súni?

 

 

Dipingere questa sera?
No, non mi sento!
Che farò?
Sono mille pensieri
che occupano la mente.
Quanti desideri
arguisce la mente?
Forse è il vino?
Il vino, che apre
le porte al piacere.
Che desiderio di liberta!
Vorrei correre, volare,
liberarmi di questo peso
che mi opprime.
Sono uno Zingaro!
Un pittore, un tenore.
Che farò?
Leggere, scrivere:
forse è meglio piangere.
Solo il pianto
potrà acquietare l’onta?
Ma questa notte?
Certo, anche questa
dovrà passare.
Il furore della gioventù,
ancora sovrasta le fibre.
Quando ti acquieti
vorace mio cuore?
Stanco, e desideroso
qui non mi fermo:
forse sognerò

 

 

 

 
  
 
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: