Skip to content
23 luglio 2009 / lucioulian

un falso dilemma..

 
 
 
  
 
 
        Propongo un commento di Alfredo Reichlin, pubblicato su "Repubblica" del 21 luglio 2009:
 
 
 

UN FALSO DILEMMA

Repubblica — 21 luglio 2009   pagina 25   sezione: COMMENTI

CARO Direttore, Partecipo al dibattito congressuale del partito democratico con molte speranze ma anche con profonde preoccupazioni. Sento che la vicenda italiana è arrivata a un passaggio cruciale il quale mette in causa il posto dell’ Italia nel mondo, il suo potenziale economico, la sua coesione sociale e, per la prima volta dopo porta Pia, l’ unità del Nord con il Mezzogiorno. Vedo che la destra, incapace com’ è di governare questo passaggio all’ altezza dei problemi, spinge il Paese verso il vecchio "legno storto" della nostra storia che sono particolarismi, le consorterie, i poteri di fatto che non rispondono a nessuno. Avverto il bisogno di una forza politica che mobiliti il campo di coloro che non sono rassegnati a subire questa deriva. Mi sembra del tutto evidente che se vogliamo salvare l’ Italia dobbiamo costruire quello che una volta si chiamava un Partito, cioè uno strumento capace di far uscire il popolo dalla passiva contemplazione delle vergogne di Berlusconi, che sia in grado di organizzare la partecipazione popolare alla politica, che dia ai cittadini non soltanto un capo ma gli strumenti per contare, per decidere, per tornare ad essere se stessi: gli italiani. E’ vero che di età sono vecchio ma parto dal tempo presente e scopro che il "nuovo" è questo: è la grande politica, quella che si fa storiae spinge la gentea fare cose non soltanto per sé ma per una idea più grande. Non possiamo più baloccarci con il falso dilemma tra i difensori del bipolarismo (e quindi del cosidetto partito a vocazione maggioritaria) e gli esponenti del "vecchio" (Bersani), cioè coloro che vorrebbero tornare al vecchio gioco dei partiti che fanno accordi di potere sulla testa degli elettori e che hanno in testa – anche se dicono il contrario – il ritorno alla proporzionalee la cancellazione del bipolarismo. Trovo paradossale questo dividersi sul nulla.E dico "nulla" perché questo dilemma non c’ è. Non esiste. Basta guardare la realtà. In quale Paese del mondo vive (faccio un esempio) Michele Salvati. Di quale bipolarismo minacciato da Bersani egli parla? Anche in Germania c’ è il bipolarismo. Non sta qui la differenza. La differenza è che qui in Italia in nome del bipolarismo ci siamo ridotti a votare semplicemente un Capo e il Parlamento è nominato da quello stesso capo. Questo è il bipolarismo all’ italiana su cui si discetta. Magari fosse quello tedesco. E’ semplicemente il contrario del bipolarismo. Cioè di un sistema politico capace di dare voce e rappresentanza anche sostanziale e non solo nella forma a interessi popolari, comunque diversi da quelli della ristretta oligarchia che comanda. Fondare un bipolarismo, organizzare cioè uno schieramento in grado di rappresentare credibilmente una alternanza al potere dominante è il problema che sta tutto davanti a noi e che richiede la formazione di un partito serio e vero. E dico vero sapendo benissimo che è giusto trovare i modi per far contare, attraverso le primarie, anche i simpatizzanti ma avendo ben chiaro che se il segretario non è eletto dai militanti del suo partito ma dagli elettori, dai telespettatori, dai lettori dei giornali, da persone che, senza nessun discrimine politico, passano davanti a un gazebo che cosa resta di un partito politico? Come si formano e cosa contano i suoi dirigenti? Dove va a finire il dibattito delle idee? Caro direttore, non sto parlando di ipotesi, ma di fatti che sono accaduti, che sono sotto i nostri occhi e che ci hanno impedito perfino di fare una forte e credibile opposizione. La mia domanda è: che cos’ è il "nuovo" se non il voltar pagina rispetto a questa situazione? – ALFREDO REICHLIN

 

 

 
 
 
 
  
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: